HomeNotizie

Per una scelta
responsabile

bimbe
“La scelta del tema: Irc e famiglia: impegno e responsabilità di una scelta, dice la volontà di esplorare con intelligenza e passione il rapporto di continuità che salda l’azione educativa della scuola e della famiglia – ha spiegato don Vincenzo Annicchiarico, Responsabile del Servizio Nazionale per l’Irc -; dice, nel contempo, la necessità di individuare lo specifico apporto che l’Irc può offrire al raggiungimento pieno dell’obiettivo che scuola e famiglia pongono alla base della loro azione”.
“Le competenze religiose, che l’alunno raggiunge nell’Irc – ha aggiunto – favoriscono la sua maturazione umana e spirituale, lo educano ad una responsabile gestione della propria libertà di fronte ai valori e ai significati dell’esistenza, lo rendono capace di aprirsi in modo maturo alla comprensione della religione che innerva il tessuto sociale e culturale in cui vive. Evidentemente, si tratta di maturità umana di fronte alla religione e al cristianesimo e non di maturità cristiana di cui si parla nella catechesi. L’umanizzazione dell’alunno richiede che egli non venga a trovarsi acriticamente di fronte a un ambito così rilevante della cultura e della vita, quale è la religione, in particolare la religione cristiana, molto affermata e diffusa in Occidente”.
 

“Questo il punto – gli ha fatto eco don Paolo Gentili, direttore dell’Ufficio Nazionale per la pastorale della famiglia –: la scuola, che siamo chiamati a costruire, può essere vista come un ambiente in cui cresce il dono di sé, quindi non tanto come occasione di istruzione, ma piuttosto come opportunità generativa, capace cioè di introdurre al Mistero della vita”.
A fare la differenza – ha fatto capire – è la capacità di costruire “forti alleanze educative”, innanzitutto con la famiglia:  “per un’insegnante che vive la passione educativa, non può risultare indifferente la famiglia del proprio alunno; tra l’altro, molto spesso conoscendo i familiari si possono intuire meglio i percorsi di quel ragazzo”. Quindi, tra i vari insegnanti della stessa scuola, ricordando che “l’educazione non ammette navigatori solitari: la comunità educante deve avere una coesione interna tale da incidere, come un diamante, sul cuore di quel ragazzo, realizzando, rispetto al clima culturale contemporaneo, quella che Benedetto XVI chiama una vera opera di ecologia umana”. Infine, occorre creare “alleanze educative con la società che ci circonda: Enti, Istituzioni civili, organismi presenti sul territorio locale, con cui è possibile e auspicabile creare feconde collaborazioni. La cultura vera ha bisogno di porte aperte per progettare insieme avendo a cuore il destino dell’uomo”.
Decisiva rimane, ha aggiunto il direttore sulla scorta degli Orientamenti pastorali del decennio, la cura per la qualità delle relazioni e l’attenzione a evangelizzare anche la cultura del tempo presente.

18 Maggio 2011

Agenda »

Domenica 13 Giugno 2021
LUN 07
MAR 08
MER 09
GIO 10
VEN 11
SAB 12
DOM 13
LUN 14
MAR 15
MER 16
GIO 17
VEN 18
SAB 19
DOM 20
LUN 21
MAR 22
MER 23
GIO 24
VEN 25
SAB 26
DOM 27
LUN 28
MAR 29
MER 30
GIO 01
VEN 02
SAB 03
DOM 04
LUN 05
MAR 06
Servizio Nazionale per la pastorale delle persone con disabilita‘ Angelus del Santo Padre in LIS
Questo il link dove poter seguire la diretta.